Studio Odontostomatologia Dr. Giorgino

Faq domande Frequenti

COSMESI DENTALE

Cos’è uno scovolino ?

Lo scovolino è uno strumento per l’igiene orale domiciliare che rimuove residui alimentari e placca batterica negli spazi interdentali dove con lo spazzolino è impossibile arrivare e dove il filo interdentale ha un diametro non sufficientemente spesso.

Lo scovolino va inserito negli spazi interdentali o sotto protesi fisse, con leggera pressione e senza forzarne l’inserimento, e mosso con movimenti orizzontali per pochi secondi.

Cosa sono le faccette dentali ?

Le faccette dentali rappresentano uno dei risultati migliori dell’odontoiatria estetica moderna.

Sono dei sottilissimi involucri in ceramica o in porcellana che vengono applicati sulla superficie esterna dei denti che presentano imperfezioni per migliorare l’aspetto estetico del nostro sorriso.

Lo sbiancamento dentale è dannoso per i nostri denti ? quando è controindicato?

Lo sbiancamento dentale non è assolutamente dannoso se effettuato con tecniche e materiali adeguati e sotto la sorveglianza del professionista.

Non ci sono particolari controindicazioni per quanto riguarda lo sbiancamento dentale professionale, è però sconsigliato in pazienti con gravi problemi parodontali, con elementi dentali fratturati o con otturazioni non congrue, in gravidanza, con pazienti sottoposti a particolari terapie farmacologiche e bambini.

Ogni quanto è consigliato effettuare un’ igiene orale?

In una bocca sana sono consigliate 2 igieni all’anno (una ogni 6 mesi). In casi specifici sarà il dentista a determinare la scadenza delle vostre igieni.

Ogni quanto va passato il filo interdentale?

Almeno una volta al giorno.

Perchè sono importanti le igieni gravidiche?

E’ ormai dimostrato che le igieni orali in gravidanza sono importantissime non solo per preservare la salute dei denti della mamma in attesa ma anche per prevenire i potenziali problemi dei dentini del bambino

Qual’è il dentifricio ideale?

Escludendo casi eccezionali in cui è lo stesso dentista a indicarvi il tipo di dentifricio più adatto a voi, non esiste un dentifricio ideale.

La cosa più importante nell’ambito dell’igiene orale quotidiana, è il corretto spazzolamento de nostri denti.

Qual’è lo spazzolino ideale? Ogni quanto va cambiato?

Secondo il Ministero della Salute, lo spazzolino ideale è quello elettrico.

Noi consigliamo sia lo spazzolino elettrico che il manuale, purchè il secondo sia di forma convessa con setole medie e che venga utilizzato con la tecnica di spazzolamento adeguata.

Non è vero che lo spazzolino va cambiato ogni tre mesi.

E’ necessario sostituirlo con uno nuovo quando le setole iniziano a deformarsi e a perdere interezza.

 

Quanta importanza ha il collutorio nell’igiene orale quotidiana?

Nell’ambito dell’igiene orale quotidiana l’uso del collutorio ha un’importanza relativa, a meno che questo non sia stato prescritto dal dentista in caso specifico.

Quante sedute servono per sbiancare i denti? Quanto è duraturo il suo effetto?

Lo sbiancamento professionale alla poltrona prevede una sola seduta. La durata dipenderà dallo stile di vita del paziente, dal tipo di smalto e dal grado di igiene quotidiana dello stesso.

 

CONSERVATIVA

Le vecchie otturazioni in amalgama (color argento) devono essere sostituite?

Non necessariamente. Vengono sostituite nel caso in cui non dovessero essere più idonee o per necessità estetiche del paziente.

L’otturazione che mi verrà fatta sarà visibile?

No, i materiali utilizzati sono materiali estetici e rispettano il colore naturale del dente.

Quando serve l’anestesia?

Ogni qualvolta è necessaria.

PEDODONZIA

A che età è consigliata la prima visita pedodontica?

L’Organizzazione Mondiale della Salute (OMS) consiglia “Primo dente prima visita”. Noi consigliamo di non aspettare oltre i 3 – 4 anni.

A che età è importante iniziare ad usare il filo interdentale?

Secondo l’American Dental Association (ADA) bisogna iniziare ad usare il filo interdentale quando i denti del bambino, una volta erotti, iniziano a toccarsi .

A che età spunteranno i denti permanenti?

L’eruzione dei denti permanenti segue la seguente sequenza:

  • 6 anni primi molari superiori e inferiori
  • 6-7 anni incisivi centrali e laterali superiori e inferiori
  • 9-11 anni canini superiori e inferiori
  • 10-11 anni premolari
  • 12-13 anni secondi molari superiori e inferiori
  • 17-21  anni terzi molari superiori e inferiori
Che cos’è il fluoro? Perchè è importante?

Il fluoro è uno ione componente della molecola di fluoro – idrossiapatite, la principale sostanza del nostro smalto dentale. Questo elemento ha la capacità di ridurre la velocità di formazione ed accumulo della placca dentaria, causa dell’acidificazione della saliva e quindi dell’insorgenza di carie dentali.

Il fluoro inoltre inibisce la formazione di acidi nella saliva riducendone così il potenziale cariogeno; consente infine una riparazione dei cristalli dello smalto, soprattutto nelle fasi iniziali del processo carioso.

Come trattare l’igiene orale del neonato?

Ancora prima della comparsa del primo dentino da latte, dopo ogni pasto è buona abitudine pulire delicatamente le gengive del neonato con una garzina inumidita.

A partire da due mesi di vita del neonato si raccomanda lo spazzolino ditale, uno strumento di gomma con applicate delle morbide setole, ideale per il massaggio delle gengive e la pulizia dei primi dentini .

Il massaggio aumenta la circolazione, allevia i dolori e il prurito facilitando così la dentizione.

Inoltre il bambino abituandosi al ditale è facilitato nel passaggio allo spazzolino da denti.

La frequenza e l’accuratezza con la quale si laveranno i dentini determineranno il livello di igiene orale del bambino.

Cosa comporta la perdita prematura di un dente da latte ?

La perdita precoce di uno o più denti decidui causa: estrusione del dente antagonista, inclinazione dei denti adiacenti allo spazio vuoto e perdita dello spazio all’interno dell’arcata ; questo si può prevenire collocando un mantenitore di spazio, un dispositivo terapeutico intercettivo in grado di mantenere lo spazio del dente perso e di impedire lo spostamento dei denti adiacenti.

Cosa si intende per carie da biberon ?

La carie da biberon meglio conosciuta come BBTD (baby bottle tooth decay) è una sindrome caratterizzata dall’apparizione precoce di carie di rapida evoluzione che colpisce i bambini sotto i 3-4 anni, causata da uno smodato utilizzo del biberon zuccherato e da una scorretta igiene orale.

 

Cosa si intende per fluorizzazione topica professionale?

Con il termine fluorizzazione si indica un particolare tipo di fluoro-profilassi che si esegue all’interno dello studio dentistico da personale qualificato. Questa procedura che richiede solo qualche minuto, prevede l’applicazione di gel fluorato sulla superficie del dente i cui ioni fluoro, migrando all’interno dello smalto dentale, determinano una sostanziale riduzione di incidenza della carie.

Cosa si intende per respirazione orale?

Si tratta di una condizione patologica in cui il bambino respira dalla bocca anzichè dal naso.

Respirare a bocca aperta può alterare l’intera struttura facciale e la postura del bambino.

I respiratori orali presentano solitamente faccia allungata, zigomi appiattiti, labbra voluminose e flaccide, palato ogivale (stretto) , deformazioni delle arcate dentarie e russamento notturno.

Cosa sono le sigillature? A cosa servono?

La sigillatura dei molari sia decidui che permanenti, è una pratica preventiva contro la carie. Consiste nell’applicazione di un materiale sigillante nei solchi e nelle fossette di questi denti che, a causa della loro conformazione anatomica, rappresentano un luogo ideale per l’annidamento e la proliferazione dei batteri. Si tratta di una procedura né dolorosa, né invasiva, tanto è vero che non richiede alcuna forma di anestesia.

Importante però è specificare che la sigillatura non rende immune il dente dalla carie, che potrà comunque formarsi al di la degli spazi sigillati.

Da che età ed in che quantità va somministrato il fluoro?

Dall’età fetale.

Da cosa si riconosce una bocca sana ?

Dai tessuti gengivali che sono rosei, compatti, non infiammati o irritati; quando i denti non sono cariati; quando la funzione masticatoria è corretta e quando la parte interna delle guance e della lingua non presenta anomalie.

E’ normale che ci sia tanto spazio tra un dentino da latte e l’altro ?

Si, anzi questo permetterà la corretta eruzione dei denti permanenti che, essendo di diametro maggiore rispetto al  un dente deciduo, troveranno lo spazio giusto per uscire all’interno dell’arcata evitando così problemi di affollamento dentale una volta completata la permuta.

Fino a che età è utile il fluoro?

Fino a 10-12 anni.

Ogni quanto è consigliato effettuare un’igiene orale professionale su un bambino?

Come nell’adulto, anche al piccolo paziente è consigliata un’igiene orale professionale “minor” ogni 6 mesi. Sarà il dentista stesso, in base al livello di igiene orale del bambino, ad aumentare o diminuire l’intervallo di tempo necessario tra una seduta e l’altra.

Perchè i denti da latte sono così importanti?
  1. Per una corretta crescita ossea; per questo motivo una perdita prematura di un dentino da latte o la comparsa precoce di carie può provocare malocclusioni e abitudini viziate che andranno ad interferire con il corretto sviluppo dei mascellari.

2. Per la masticazione corretta

3. Per favorire la regolare eruzione dei denti permanenti che vengono guidati dai denti decidui

4. Per aiutare il bambino a sviluppare una fonetica corretta

5. Per un valore estetico importante per l’autostima del bambino

Quali sono i sintomi più comuni che segnalano l’inizio della dentizione dei bambini e come controllarne il dolore ?

I denti da latte compaiono generalmente tra i 3 e i 6 mesi di vita.

Tra i sintomi più comuni troviamo : irritabilità del bambino , gengiva gonfia ed infiammata , salivazione abbondante e occasionalmente diarrea dovuta all’eccesso di saliva ingerita.

I rimedi che possono dare sollievo al bambino durante la dentizione sono : massaggi delle gengive con o senza pomate , giocattoli gommosi con liquido refrigerante (ad esempio il ciuccio refrigerato è una valida alternativa) e antinfiammatori blandi.

Quando spuntano i dentini da latte ?

Approssimativamente la dentizione nei bambini inizia a 3-6 mesi e si completa tra i 24-30 mesi.

Sequenza dentizione decidua:

  • 3-12 mesi incisivi centrali e laterali superiori e inferiori
  • 12-18 mesi primi molari inferiori e superiori
  •  18-24 mesi canini inferiori e superiori
  • 24-30 mesi secondi molari inferiori e superiori

In generale entro l’anno si completa la dentizione degli incisivi ed entro i tre anni tutti i dentini da latte dovrebbero essere spuntati.

PARODONTOLOGIA

Che cos’è la malattia parodontale?
La malattia parodontale o parodontite (denominata in passato Piorrea) è un’affezione batterica che colpisce le strutture di sostegno del dente: osso alveolare, legamento parodontale e gengiva.
La terapia base per questo tipo di patologia è la rimozione del tartaro sub – gengivale (Curettage).
Che cos’è un lembo parodontale?
Il lembo parodontale è un tecnica chirurgica che permette la levigatura radicolare “A CIELO APERTO”.
In caso di evidenza clinica e radiologica di tasche particolarmente profonde, dove è insufficiente un semplice curettage (rimozione del tartaro sottogengivale) per risolvere l’infiammazione, si ricorre alla chirurgia. 
La chirurgia parodontale consiste nell’incidere e scollare le gengive relative a tali zone per levigare a vista le radici dentarie cui è adeso il tartaro, causa della parodontite.
Il fumo ha una correlazione con la malattia parodontale?

Il fumo è uno dei fattori di rischio più significativi nello sviluppo e progressione della malattia parodontale. Le sostanze chimiche del tabacco, in seguito a un qualsiasi intervento parodontale, rallentano i processi di guarigione dei tessuti e rendono i risultati del trattamento meno predicibili.

Qual’è la causa dell’alitosi?

In quasi il 90% dei casi l’alitosi è dovuta ad una scarsa igiene orale però esistono anche una serie di cause che possono aggravare il problema quali scarsa salivazione, problemi parodontali, carie non individuate, infezioni locali, espirazione orale, stress fumo e alcool.

ORTODONZIA

A che età la prima visita ortodontica?

La prima visita ortodontica è consigliata a partire da 3 anni di età.

Che cos’è la contenzione?

La contenzione ortodontica mobile o fissa è la fase finale del trattamento ortodontico che favorisce la stabilizzazione della correzione. Questa evita la recidiva post – trattamento.

Che differenza c’è tra un bite e un paradenti?

Sono entrambi dispositivi medici di protezione pensati per coloro che praticano sport.

Riparano la dentatura e le gengive da colpi, contraccolpi e cadute che avvengono durante incontri, partite o gare .

Il primo però viene costruito dall’ortodontista sui modelli individuali e può far parte della terapia ortodontica del bambino; il secondo viene modellato in maniera autonoma da chi lo indossa ed è reperibile in farmacia.

 

Cosa si intende per deglutizione atipica ?

E’ una deglutizione scorretta presente in alcuni bambini che, se non corretta, si mantiene anche in età adulta.

E’ caratterizzata dalla scorretta posizione della lingua, che si interpone tra le arcate dentarie invece di posizionarsi sul palato.

Se non corretta può essere causa di malocclusione.

Cosa si intende per malocclusione?

Malocclusione significa “cattivo morso” ossia quando i denti dell’arcata superiore non combaciano correttamente con quelli dell’arcata inferiore.

Esistono apparecchi che non si vedono?

Esistono diverse tecniche che fanno dell’ortodonzia un trattamento invisibile. Sarà il dentista ad indicarvi la più idonea al vostro caso in base al tipo di trattamento e al risultato che si vuole raggiungere.

Per quanto tempo dev’essere portata la contenzione?

Dipende dal tipo (mobile o fissa) e dalla durata del trattamento a cui è stato sottoposto il pz.

Per quanto tempo mio figlio dovrà tenere l’apparecchio?

Sarà il caso studio completo del paziente ad indicare per quanto tempo sarà sottoposto al trattamento ortodontico.

 

Servono radiografie per pianificare un trattamento ortodontico?

Prima di iniziare un qualsiasi trattamento ortodontico è necessario il caso studio individuale del paziente che consiste in lastre (Ortopantomografia + teleradiografia), modelli studio e foto.

 

IMPLANTOLOGIA

Cos’è un impianto dentale?

Un impianto dentale è un dispositivi in titanio inserito chirurgicamente nell’osso mandibolare o mascellare, a cui viene collegata una protesi, fissa o mobile, per la restituzione della funzione masticatoria.

Quanto tempo durerà l’intervento?

Dipende dal tipo di intervento.

Servirà una cura farmacologica?

Prima di essere sottoposto a un intervento chirurgico, è necessaria una copertura antibiotica preventiva, in modo da prevenire eventuali complicanze post – operatorie.

PROTESI

Che prodotti dovrò usare per la pulizia della protesi?

L’igiene ottimale della protesi mobile si ottiene associando al normale spazzolamento, l’utilizzo di pastiglie o soluzioni a base di ossigeno nascente che, se usati periodicamente, disinfettano la protesi inibendo la crescita di batteri. Alcuni di questi prodotti hanno un’azione a lungo termine contro la placca dentale, impedendone l’accumulo sui denti nel corso della giornata. Dopo averla immersa nella soluzione pulente è importante lavare la protesi sotto abbondante acqua corrente.

 

Ogni quanto devo pulire la protesi mobile?

La manutenzione ottimale delle protesi dentarie prevede una scrupolosa cura igienica. E’ di fondamentale importanza una spazzolatura quotidiana con apposito spazzolino in acqua fredda dopo ogni pasto.

ORTODONZIA ESTETICA

L’ortodonzia “linguale” è vera ortodonzia?

Sì. L’unica differenza è che la tecnica linguale lascia completamente libere le superfici visibili dei denti.

Se metto l’apparecchio linguale avrò fastidio quando parlo?

No. I bracket (ovvero le placchettine di metallo) che si utilizzano nel nostro studio per l’ortodonzia linguale e i fili sono talmente sottili e miniaturizzati che l’ingombro è minimo, quasi nullo.

Vorrei riallineare i miei denti ma non si deve vedere che porto l’apparecchio. Cosa mi consigliate?

Ad oggi, per la nostra esperienza, il miglior trattamento di ortodonzia estetica a cui un paziente si può sottoporre è l’ortodonzia linguale.

ENDODONZIA

Che cos’è un ascesso?

L’ascesso dentale è un accumulo di batteri e pus (detriti cellulari) confinato nei tessuti che circondano il dente.

Esistono due tipi di ascessi:

  1. ascesso dentale parodontale legato a un’infezione batterica dell’apparato di sostegno del dente (gengiva, osso alveolare e legamenti).
  2.  ascesso dentale periapicale legato ad un’infezione della polpa dentale.
Che cos’è una fistola?

E’ una piccola lesione o una vescicola di colore rosso che si forma nella nostra bocca a livello dentale o gengivale leggermente sollevata.

E’ l’evoluzione esterna di un processo infettivo dalla quale esce un liquido infetto che, qualora non trovasse una via di uscita, formerebbe una raccolta di pus che si chiama ascesso.

Può essere dovuto ad un problema pulpare (es. necrosi o trattamento canalare non eseguito correttamente) oppure ad un problema parodontale (es. tasca gengivale con riassorbimento osseo).

Cos’è una devitalizzazione?

La devitalizzazione è un procedimento odontoiatrico che consiste nell’asportazione della polpa di un dente.

E’necessario devitalizzare un dente quando la polpa ossia, il tessuto molle all’interno della camera pulpare, si infiamma o si infetta.

La devitalizzazione è adatta a tutti i denti ?

Nella maggior parte dei casi i denti possono essere devitalizzati eccetto casi in cui: i canali radicolari non sono accessibili, il dente ha una grave frattura, non ha un supporto osseo adeguato o non può essere ricostruito.

Un dente devitalizzato può far male?

Un dente appena devitalizzato può dare fastidio per qualche giorno.

Successivamente può far male solo nel caso in cui insorgessero problemi a distanza quali un granuloma o una frattura della radice del dente.

Hai altre domande da sottoporci? Scrivi i tuoi dubbi a info@studiogiorgino.com